Pubblicità sui Social Media

La Pubblicità sui Social Media? Un percorso ad ostacoli

Fare pubblicità sui social media somiglia sempre di più ad un viaggio sulle montagne russe. L’efficacia di una campagna sulle piattaforme social sale e scende  dall’oggi al domani, rendendo l’adattabilità sempre più difficile. Con il panorama in costante evoluzione non é possibile  sviluppare contenuti mirati e specifici per piattaforma. Il tempo di elaborare una strategia di successo e dopo pochi mesi diventa obsoleta.

Per cominciare a fare pubblicità sui social media, bisogna innanzi tutto evitare le insidie più comuni che inducono ad errori che costano cari sia dal punto di vista economico che dell’efficacia della campagna.Ecco alcune insidie ​​più comuni.

Targeting in tutti i modi sbagliati

I Brand spesso sovrappongono targeting e retargeting, fornendo messaggi irrilevanti sia per i clienti nuovi che per quelli esistenti. Questo errore oltre a comportare uno spreco di denaro consegna messaggi ai consumatori sbagliati nel momento sbagliato. Al contrario, un’altra insidia consiste nel rivolgersi ad un pubblico per nulla mirato, proponendo i propri annunci a centinaia di milioni di persone senza alcun target di riferimento identificato.

Sfuggire a queste insidie é una semplice operazione di buon senso. Bisogna trovare un equilibrio tra il targeting strategico e la dimensione del pubblico.

Creazione di contenuti

Paradossalmente creare il contenuto giusto e coinvolgente può essere un ostacolo. Ad esempio, un produttore di attrezzature per la cottura all’aperto ha pubblicato annunci social che mostrano cibo anziché i suoi prodotti. Il cibo è senza dubbio un’immagine accattivante (specialmente su Pinterest o Instagram) ma assolutamente inefficace per il processo di identificazione con il brand.

I contenuti devono sempre raccontare la mission aziendale, trasmettere i valori e aiutare il processo di identificazione del consumatore con il brand. Quindi anche in questo caso bisogna trovare un equilibrio tra contenuti coinvolgenti e story telling.

A maggior ragione vale per i contenuti video, che si sono rivelati molto efficaci soprattutto su Facebook. Nel 2019 abbiamo visto un’esplosione delle prestazioni video, ma con esso anche il proliferare di video di scarsissima qualità, che hanno sui consumatori e i potenziali clienti un effetto boomerang. Bisogna produrre video di alta qualità.

In sostanza il successo di una compagna pubblicitaria sui social media dipende da investimenti strategici. Fare pubblicità sui social media può incrementare significativamente i guadagni di un’azienda, ma non può essere fatta in modo amatoriale. Esistono tante agenzie come Nubes in grado di pianificare strategie a buon mercato. Ed esiste la possibilità di formarsi. Quindi prima di cliccare metti in evidenza sul post della propria pagina aziendale, vi invitiamo a non gettare il vostro denaro e la possibilità di far crescere i propri guadagni.

Simone Di Trapani

Lascia un commento