facebook

Facebook applicherà restrizioni al tergeting per evitare discriminazioni

Questa settimana, Facebook ha annunciato che applicherà ufficialmente le restrizioni al targeting per alcune categorie di annunci. Le restrizioni saranno applicate anche su instagram e nelle api facebook per il marketing. 

Le restrizioni riguarderanno gli annunci inerenti alle locazioni di alloggi per brevi e lunghi periodi, alle opportunità di lavoro e di accesso al credito. Per tutte queste categorie di annunci non sarà possibile targettizzare in base all’età, al sesso, al codice postale o ad affinità culturali. In questo modo Facebook spera di frenare la discriminazione da parte degli inserzionisti. Che non potranno più selezionare un target demografico e culturale, escludendo in partenza una fetta di popolazione.

Per questi annunci é stata creata la cetegoria “annunci speciali“. Negli Stati Uniti gli annunci immobiliari, di lavoro e di opportunità di credito sono nella categoria già dal 4 dicembre .  A partire da questa settimana, il Social Media più partecipato del mondo, sta espandendo le restrizioni a tutte le sue piattaforme di acquisto di annunci: tra cui l’app Ads Manager, Instagram Promote e l’API di marketing di Facebook.

Verso Facebook 4.0

Già negli Stati Uniti gli utenti di Facebook visualizzano tutti gli annunci di opportunità abitative indipendentemente dal fatto che l’utente faccia parte del pubblico di destinazione. Inoltre gli utenti saranno in grado di effettuare ricerche nell’archivio degli annunci. Questo indipendentemente dalla targettizzazione degli stessi. La ricerca potrà basarsi sulla pagina che ha effettuato l’annuncio o sul luogo che é stato targettizzato. 

La decisione di facebook di applicare le restrizioni per gli annunci speciali è frutto di un serrato confronto tra la compagnia e alcuni gruppi per la tutela dei diritti civili negli Statu Uniti. Gruppi che avevano accusato il social media di consentire annunci discriminatori sulla propria piattaforma.

Continua quindi il progressivo cambiamento di facebook, come per la scomparsa dei like su instagram e il restringimento della portata delle fan page, il social media, sempre meno utilizzato dai giovani, tenta di migliorare l’agio dei propri utenti sulla piattaforma.

Simone Di Trapani

Lascia un commento